Antonio Petito

Antonio Petito nacque a Napoli nel 1822 da una famiglia di artisti. Autore, attore e capocomico napoletano di fama internazionale fece il suo esordio sulla scena a soli sette anni.
Considerato "il re dei Pulcinella" e il "re del San Carlino", storico teatro napoletano, Antonio Petito con le sue farse fece conoscere la maschera partenopea in tutto il mondo. Ispiratore del teatro di Eduardo Scarpetta, fu rappresentato anche da Eduardo: storica è rimasta la rappresentazione di Palombella zompa e vola in occasione dell'inaugurazione del San Ferdinando nel 1954. Le sue opere sono ancora oggi molto rappresentate. Tra le più famose All'unione delle fabbriche, Tre banche a ‘o trecento pe' mille, So' muorto e m'hanno fatto turna' a nascere, Nù Diavolo Ammacchiato, Palummella zompa e vola e Francesca da Rimini. Morì la sera del 24 marzo del 1876 dietro le quinte del teatro. Portato sul palcoscenico raccolse l'ultimo applauso del pubblico che tanto lo aveva amato.

Leggi l'articolo di Bruno Aletta "Petito: la maschera di Totonno 'o pazzo" Espresso napoletano, agosto 2007