Edoardo Nicolardi

Edoardo Nicolardi nacque a Napoli il 28 febbraio1878.
Suo padre Francesco era amministratore del "Mattino". Sin da giovane collabora come giornalista con vari periodici tra cui 'Il pungolo", "Il giorno", "Monsignore Pirrelli" e il "Re di Denaro.
Per quarant'anni fu direttore amministrativo dell'Ospedale Loreto Mare ma proseguì instancabile la sua attività di poeta e paroliere di canzoni. Scrisse su riviste teatrali e diresse alcune case editrici musicali.
Nicolardi, fu autore di deliziose poesie in vernacolo pubblicate in più volumi e ristampate dall'Editrice Bideri;
Le sue poesie furono musicate dai più grandi musicisti dell'epoca come E.A. Mario, De Gregorio De Curtis, Nardella e Straffeli.
Dal 1944 al 1953 collaborò con la RAI curando il programma radio "Tipi e costumi napoletani".
Tra le sue canzoni più famose Jett' 'o beleno , e 'O scuitato con Ernesto Murolo, e Voce 'e notte, Mmiez' 'o ggrano, Primmo amrnore, L'ammore a tre, Tammurriata nera e 'E zucculille.
Morì nel febbraio del 1954.

Leggi l'articolo di Bruno Aletta "Nicolardi: La voce immortale della canzone"    Espresso napoletano, agosto 2006