Ermanno Rea

Ermanno Rea è nato a Napoli nel 1927. Scrittore e giornalista ha collaborato con numerosi quotidiani e settimanali. Tra i suoi romanzi “Il Po si racconta” del 1990, “L'ultima lezione” del 1992, romanzo inchiesta sulla misteriosa scomparsa dell’economista Federico Caffè, “Mistero napoletano” del 1995 (Premio Viareggio per la narrativa), romanzo inchiesta sul suicidio di una militante comunista napoletana, “Fuochi fiammanti a un'ora di notte” del 1998 (Premio Campiello 1999), “La dismissione” del 2002 sullo smantellamento dello stabilimento ILVA a Bagnoli vissuto nella vicenda di un operaio e “Napoli Ferrovia” del 2007, autobiografico viaggio della memoria attraverso i luoghi più disperati di Napoli. Dal romanzo “L’ultima lezione” è stato realizzato nel 2001 l’omonimo film di Fabio Risi e dal romanzo “La dismissione” il film di Gianni Amelio “La stella che non c’è”. Dal 2002 al 2006 è stato Presidente della Fondazione “Premio Napoli”.

Leggi l'articolo di Bruno Aletta "Ermanno Rea. Disagi di una città espropriata"  Espresso napoletano, gennaio 2008