Ernesto Murolo

Ernesto Murolo nasce nel quartiere Montecalvario, a Napoli il 4 aprile 1876. Abbandonati precocemente gli studi universitari, dopo una breve ma intensa esperienza di giornalista, si dedica all’attività di ‘libero poeta’ e commediografo. Fu direttore di numerose compagnie teatrali, mise in scena, tra l'altro, ’Signorine’, ‘O 'mpuosto’, ‘Gente nosta’, ‘Addio mia bella Napoli’. I suoi versi furono musicati dai più grandi musicisti del tempo, Ernesto Tagliaferri in testa, e fu in contatto con i più grandi poeti ed intellettuali napoletani, collaborando tra l’altro con Nicolardi e Bovio. La sua vita fu brillante e vissuta nello splendore dei Cafè chantant, sposò Lia Cavalli da cui ebbe sette figli, tra cui il compianto Roberto, vero menestrello della musica napoletana degli ultimi decenni del secolo. I suoi versi più belli ‘Pusilleco addiruso’, ‘Pusilleco Pusì’, ‘Tarantelluccia’, ‘Napule ca se ne va’, ‘Pusilleco’, ‘Serenata napulitana’ , ‘Piscatore ‘e Pusilleco’, la bellissima ‘0 miercuri’ d’ ‘a Madonna ‘o Carmene’ ed il poemetto satirico ‘Storia 'e Roma’. Muore nella sua città il 30 ottobre 1939.

Leggi l'articolo di Bruno Aletta "Ernesto Murolo: un poeta quasi perfetto" Espresso napoletano, novembre 2007