Libero Bovio

Libero Bovio nacque a Napoli l'8 giugno 1883. Suo padre Giovanni fu insigne filosofo e giurista, nonché deputato della Sinistra Storica, sua madre, Bianca Nicosia, maestra di pianoforte. Fu apprezzato scrittore di teatro, Gente nosta, 'O prufessore, 'O Macchiettista, i suoi lavori più apprezzati, ma ottenne fama e notorietà come autore di indimenticabili versi, immortalati in famosissime canzoni musicate da compositori del calibro di Ernesto De Curtis, Nicola Valente, Gaetano Lama e Evemero Nardella. Fu direttore delle case editrici musicali La Canzonetta e Santa Lucia e nel 1934 fondò con i musicisti Valente, Tagliaferro e Lama una propria casa editrice La bottega dei quattro. Tra le innumerevoli canzoni che hanno fatto la storia della canzone napoletana Tarantella luciana, Guapperia, Tu ca nun chiane, Reginella, Silenzio cantatore, Chiove, Lacreme napulitane, 'O paese d' o sole, Tarantella, Surdate, Zappatore, Passione. Libero Bovio morì a Napoli nella sua casa di Via Duomo il 26 maggio 1942.